III edizione

No dei cittadini al teatro che ricorda Giuliano Baroni

  • Home
  • Notizie da nessun luogo
  • La Stampa
  • No dei cittadini al teatro che ricorda Giuliano Baroni
Pubblicato il 21 ottobre 2005Il Resto Del Carlino

L'assemblea ha bocciato il progetto

Cala il sipario su “Julianeo”.

Un “no” unanime è stato pronunciato, lo scorso 11 ottobre, dai cittadini a cui è stato proposto il progetto: la realizzazione di una piccola struttura teatrale per i giovani.

Per comprendere il significato di “Julianeo” bisogna ritornare al 2001, anno in cui scomparve tragicamente, in un incidente stradale, il giovane Giuliano Baroni. Era studente, aveva 26 anni e una passione: la musica.

I genitori del ragazzo pensarono di utilizzare il denaro proveniente dall'assicurazione per la realizzazione di Julianeo, offrendo così un’opportunità ai giovani che amavano la musica e la recitazione ma non avevano uno spazio per trovarsi a provare, oppure alle scuole e alle associazioni che non disponevano di un palcoscenico per esibirsi.

Dopo tre anni di incontri con assessori e rappresentanti dell’amministrazione (documentati sul sito www.julianeo.com), il progetto è stato infine discusso.

Nella primavera di quest’anno, la Giunta Comunale ha deciso di procedere chiedendo il parere della Circoscrizione di via Bologna, poiché la struttura è stata pensata e progettata per essere edificata in un’area verde compresa tra le vie Bagni, Muzzarelli, Neri e Ghiron Villa (nella zona Ipercoop).

Dopo aver visionato il progetto e prima di prendere una decisione, la Circoscrizione di via Bologna ha ritenuto opportuno sentire il parere dei residenti nelle quattro vie; l’11 ottobre ha convocato quindi un’assemblea per un confronto sulla possibilità di far sorgere la struttura nell’area sulla quale si affacciano le case dei cittadini, per favorirne l’effettiva partecipazione alle decisioni della Circoscrizione.

Portando le proprie motivazioni, i presenti hanno espresso coralmente il loro forte dissenso. Un segnale inequivocabile per l’architetto Flavio Baroni, che, ad una settimana di distanza dalla riunione, ha raccolto alcune riflessioni nella nota a fianco.

Dalle sue parole si evince come l’interesse e il consenso dei cittadini rappresentino una condizione imprescindibile per la realizzazione di “Julianeo”. L’unica leva per risollevare quel greve sipario.

Elenora Rossi

Contatti : posta@julianeo.com
I diritti dei contenuti di questo sito appartengono ai rispettivi proprietari